Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_managua

Quadro di riferimento

 

Quadro di riferimento

ACCORDO GENERALE DI COOPERAZIONE
tra
il GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA
e
il GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI NICARAGUA

Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo della Repubblica di Nicaragua, d'ora in avanti
denominate le Parti contraenti,
Riaffermando l'adesione ai principi della Carta delle Nazioni Unite ed alle norme del Diritto
Internazionale, così come ai valori democratici ed al rispetto dei diritti umani;
Sottolineando l'importanza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, la Dichiarazione di
Vienna ed il programma di azione della Conferenza sui Diritti Umani del 1993;
Impegnandosi a collaborare al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, stabiliti dalle
Nazioni Unite;
Desiderosi di rafforzare le relazioni di amicizia esistenti assicurando un quadro generale di
cooperazione allo sviluppo tra i due Paesi,
Concordano quanto segue:

Articolo I
Ambito dell'Accordo

II presente Accordo stabilisce i termini e le modalità operative per le attività di cooperazione allo sviluppo
tra la Repubblica Italiana e la Repubblica di Nicaragua. I termini e le procedure specifiche, comprese
obbligazioni finanziarie o altre obbligazioni delle Parti rispetto a ciascun progetto o programma,
dovranno essere concordati con Accordi specifici.
In caso di divergenza tra il presente Accordo ed un Accordo specifico, prevarrà quest'ultimo.

Articolo II
Principi fondamentali

I rapporti di Cooperazione allo Sviluppo tra la Repubblica italiana e la Repubblica di Nicaragua, come
pure tutte le disposizioni del presente Accordo, si basano sul rispetto di principi democratici e dei diritti
umani che ispirano le politiche interne ed internazionali di entrambi i Paesi.
I progetti e programmi realizzati in virtù del presente Accordo saranno improntati a principi di
trasparenza e di dialogo tra le Parti.

Articolo III
Oggetto dell'Accordo

Il Governo della Repubblica italiana ed il Governo, della Repubblica di Nicaragua, nel quadro della
Cooperazione allo Sviluppo, si impegnano a realizzare nuovi programmi, coerenti con i piani nazionali ed
internazionali per la riduzione della povertà in Nicaragua e rispondenti alle priorità, strategie e piani del
Paese in un limitato numero di settori concordati sia tra le Parti che tra i donatori ed il Governo locale, in
occasione delle periodiche riunioni di coordinamento, ed in conformità alle rispettive legislazioni interne.

Articolo IV
Ambito di applicazione

Le disposizioni del presente Accordo si applicano:
1. ai progetti di cooperazione allo sviluppo finanziati dal Governo della Repubblica italiana, realizzati da
Istituzioni del Governo del Nicaragua;
2. ai progetti di cooperazione allo sviluppo finanziati direttamente dal Governo della Repubblica italiana
e realizzati attraverso Università, altri organismi di cooperazione ed altre Agenzie esecutrici;
3. ai progetti di cooperazione allo sviluppo promossi da Organizzazioni Non Governative italiane o
realizzati da Enti locali italiani, limitatamente a quelli finanziati dal Governo italiano;
4. I progetti menzionati ai punti 2 e 3 dovranno ugualmente essere inseriti nelle priorità e strategie di
entrambi i Paesi ed essere concordati con le Autorità centrali o locali del Nicaragua.

Articolo V
Modalità di cooperazione

Nel quadro delle disposizioni di legge e delle procedure vigenti in entrambi i Paesi, le Parti contraenti
assumono l'impegno di realizzare congiuntamente programmi di cooperazione allo sviluppo che
potranno essere attuati con le seguenti modalità:
1. Aiuto finanziario, con diverse caratteristiche per la realizzazione di specifici programmi;
2. Aiuti umanitari e/o aiuti alimentari;
3. Assistenza tecnica, compreso l'invio di esperti e personale qualificato;
4. Qualunque altra tipologia di interventi di cooperazione decisa di comune accordo tra le Parti
contraenti.
Possono essere adottate una o più modalità contemporaneamente.

Articolo VI
Impegni delle parti contraenti

Impegni del Governo Italiano:
a) Realizzare tutte le attività necessarie al raggiungimento degli obiettivi dei programmi di
Cooperazione allo Sviluppo approvati dal Governo italiano, in base alle risorse a tal fine destinate ed
alle disposizioni degli Accordi specifici di progetto sottoscritti dalle Parti;
b) Assumere tutte le spese relative al mantenimento del personale messo a disposizione dal Governo
italiano;
c) Fornire al personale inviato dal Governo italiano, nel quadro di ciascun progetto, gli strumenti e le
attrezzature professionali (compresi autoveicoli) necessari a svolgere il lavoro assegnatogli;
Il personale messo a disposizione dalla Parte italiana, come pure i suoi familiari, durante la propria
permanenza in Nicaragua non dovrà intromettersi negli affari interni del Nicaragua, dovrà rispettare
le regole, le leggi e tenere in dovuta considerazioni usi e costumi del Paese.
Impegni del Governo della Repubblica di Nicaragua e dei suoi enti esecutori:
a) Ogni istituzione che partecipi alla realizzazione di un progetto, che derivi dal presente Accordo, dovrà
definire e portare a compimento gli impegni assunti, di natura sia finanziaria che tecnica o di altra
natura al fine di garantire il buon esito del progetto;
b) Il Governo di Nicaragua, attraverso i propri Enti esecutori, designerà ed assumerà il personale
necessario alla realizzazione delle attività del progetto ed assegnerà le risorse stabilite di comune
accordo per la realizzazione del progetto stesso. Il personale designato dal Governo di Nicaragua
lavorerà in coordinamento con il personale messo a disposizione dal Governo italiano;
c) Dove sia previsto da Accordi specifici il Governo di Nicaragua metterà a disposizione del progetto
terreni, uffici, attrezzature, materiale e risorse umane; sbrigherà inoltre le pratiche amministrative e
giuridiche necessarie a portare a compimento gli obblighi derivanti dal presente Accordo.

Articolo VII
Facilitazioni

Al fine di facilitare la realizzazione dei progetti identificati nell'ambito del presente Accordo, il Governo
della Repubblica di Nicaragua:
1. esonererà i contratti per mano d'opera e servizi professionali, nonché le forniture relative ai progetti
di cooperazione, da tutte le imposte, tasse nazionali e tariffe di importazione, in conformità con la
legislazione vigente;
2. esonererà l'importazione di beni e servizi necessari alla realizzazione dei progetti dalle relative tasse
e diritti e 'concederà il diritto all'immatricolazione dei veicoli acquistati nell'ambito dei progetti di
cooperazione;
3. concederà al personale straniero che sia a disposizione del Governo italiano ed ai membri delle
rispettive famiglie:
a) il trattamento doganale previsto per il personale delle Nazioni Unite;
b) l'esonero da tutte le imposte dirette e tasse assimilate;
c) i visti di ingresso, i permessi di soggiorno e di uscita previsti dalle disposizioni vigenti, oltre ad
un documento di identità.
4. estenderà il trattamento giuridico e fiscale di cui al precedente paragrafo 3 al personale impiegato sui
progetti promossi da Ong italiane e debitamente registrati presso il Ministero degli Affari Esteri del
Nicaragua, o realizzati da Enti locali italiani nel quadro della Cooperazione decentrata, approvati e
finanziati o cofinanziati dal Ministero degli Affari Esteri italiano.

Articolo VIII
Soluzione delle controversie

Le Parti contraenti si impegnano a risolvere per via diplomatica tutte le controversie che possano
sorgere dall'applicazione del presente Accordo.

Articolo IX
Entrata in vigore, durata e modifiche

1. Il presente Accordo entrerà in vigore a partire dalla data di ricevimento della seconda delle Note
Verbali con le quali le Parti si saranno ufficialmente comunicate l'avvenuto espletamento delle rispettive
procedure interne a tal fine previste e resterà in vigore a tempo indeterminato.
2. In caso una delle Parti contraenti voglia denunciare il presente Accordo, lo notificherà all'altra Parte
per via diplomatica. In questo caso la denuncia produrrà i propri effetti dopo sei mesi dalla data di
ricevimento della rispettiva notifica Le parti contraenti possono concordare che i progetti in corso
possono proseguire finché sarà in vigore il presente Accordo.
Per il Governo della Repubblica italiana
3. Il presente Accordo potrà essere modificato o emendato consensualmente attraverso i canali
diplomatici, tramite scambio di Note Verbali. Tali modifiche o emendamenti entreranno in vigore con le
procedure a tal fine stabilite.

In fede di che i sottoscritti Rappresentanti, debitamente autorizzati dai rispettivi Governi, hanno firmato il
presente Accordo Generale.

Firmato a Managua il giorno 19 agosto 2009 in 2 (due) originali, in italiano ed in spagnolo, entrambi i testi
facenti egualmente fede.

per il Governo della Repubblica italiana                                  per il Governo della Repubblica di Nicaragua
              Ombretta Pacilio                                                                        Samuel Santos López


29